giovedì 21 febbraio 2019

Parliamo di un secondo piatto: il branzino al forno. Si tratta di un piatto molto apprezzato dai buoni intenditori di pesce, che ne riconoscono l’ottima carne bianca, pregiata e profumata, esaltata in questa ricetta, dalla cottura al forno insaporita da verdure e aromi, e ultimata con una spruzzata di buon vino bianco. 






INGREDIENTI
Branzino (spigola) 800 g 
Cipolle media 1 
Carote 1 
Sedano 1 costa 
Salvia 2 foglie 
Basilico 4 foglie 
Prezzemolo da tritare 2 cucchiai 
Olio extravergine d'oliva 6 cucchiai 
Aglio 1 spicchio 
Alloro 2 foglie 
Pepe nero q.b. 
Vino bianco q.b. 
Pomodorini ciliegino 250 g

PREPARAZIONE
Per preparare il branzino al forno iniziate pulendo il branzino: tagliategli le pinne, squamatelo ed eliminate le interiora, per vedere come fare cliccate qui.
Sciacquate poi il branzino sotto l’acqua corrente e introducete  nel suo ventre due foglie di salvia, l'alloro, lo spicchio di aglio e una presa di sale. Lavate i pomodorini e tagliateli a quarti; lavate, mondate e tritate la carota, il sedano e la cipolla. Accendete il forno a 180°. Ponete il trito di verdure in una padella con l’olio e fatelo appassire a fuoco lento, poi aggiungete il prezzemolo e i pomodorini e fate cuocere il tutto per almeno 5 minuti a fuoco basso. Aggiungete il basilico spezzato grossolanamente con le mani, aggiustate di sale e pepate e versate il condimento su una teglia da forno abbastanza capiente da contenere il branzino, ponetevi il branzino e irroratelo con dell'olio di oliva.
Infornatelo e fatelo cuocere per 45/50 minuti, (il tempo di cottura varierà a seconda del peso e dello spessore del branzino) spruzzandolo quando serve con un po' di vino bianco. A cottura ultimata estraete il pesce dal forno, sfilettatelo e disponetelo su di un piatto da portata irrorandolo col suo fondo di cottura. 
Per preparare il branzino al forno, potete acquistare anche un branzino surgelato, che dovrete però lasciare scongelare almeno 12 ore in frigorifero.
A cottura ultimata, quando disporrete il pesce sul piatto da portata, potete servirlo ricoprendolo con il sugo ricavato alla fine della cottura, oppure potete raccogliere il fondo e passarlo al mixer o al passa verdure per ottenere una salsetta cremosa e omogenea.

0 commenti:

Posta un commento

I più letti