giovedì 2 aprile 2020

Una pizza a domicilio per ritrovare il gusto della normalità. E, soprattutto, per aiutare uno degli ospedali impegnati in prima linea nella battaglia contro il Covid-19: il San Raffaele di Milano. Deliveroo scende in campo contro il Coronavirus. E lo fa insieme ai suoi ristoranti partner. L’iniziativa a favore del San Raffaele è sviluppata insieme alla pizzeria Lievità. Fino al 3 aprile, infatti, per ogni ordine effettuato dal ristorante, attraverso l’App, 2€ saranno devoluti al San Raffaele per rafforzare il reparto di terapia intensiva.

"In questo momento così delicato" dice Matteo Sarzana, General Manager Deliveroo Italia "siamo consapevoli che ogni gesto, ogni piccola donazione, può fare la differenza. Per questo motivo abbiamo messo in campo questa iniziativa: ricevere una pizza a domicilio è, sempre, un piccolo momento di felicità. Vogliamo fare in modo che diventi anche un piccola- grande occasione per supportare concretamente le strutture ospedaliere a cui va il nostro ringraziamento".
"Siamo felici di collaborare con Deliveroo per questa causa. Abbiamo voluto fare qualcosa di concreto per aiutare la nostra città, Milano e tutta la Regione Lombardia. Una pizza fa sempre bene. In questo caso, ancora di più" dice Andrea D'Angelo, CEO & Founder di Lievità Pizzeria Gourmet.
Quella a favore del San Raffaele non è l’unica iniziativa sviluppata da Deliveroo per sostenere, in questo momento, le strutture sanitarie impegnate nella lotta contro il Coronavirus. Infatti, in collaborazione con il ristorante partner Muddica di Milano, Deliveroo ha già consegnato più di 200 menù completi all’Ospedale Luigi Sacco di Milano. Con la pizzeria Pizzium sono state recapitate all’Ospedale Spallanzani di Roma pizze e panuozzi. E con Pescobar, una consegna di panini ha già raggiunto il Policlinico di Bari.
"Il cibo è la nostra passione. Metterlo a disposizione di coloro che sono in prima linea in questo momento negli ospedali è un gesto concreto attraverso cui abbiamo voluto dare, in collaborazione con Deliveroo, il nostro sostegno agli operatori dell’Ospedale Sacco" ha detto Adriano Egitto, proprietario del ristorante Muddica.
"In momenti come questi, tutti siamo chiamati a dare il nostro contributo. Noi abbiamo voluto darlo, insieme a Deliveroo, mettendo a disposizione quello che sappiamo fare meglio, la pizza. Se siamo riusciti a donare un piccolo momento di felicità a chi oggi è al lavoro negli ospedali, siamo ripagati del nostro sforzo" ha detto Davide Zaccagnino, proprietario della pizzeria Pizzium.
"Da sempre ci sentiamo parte della nostra città, Bari. In questo momento, la prima cosa a cui abbiamo pensato è stata come dare sostegno a chi sta affrontando, in prima persona, questa emergenza. Ecco perché abbiamo voluto dare il nostro contributo, insieme a Deliveroo, a favore del Policlinico di Bari e agli operatori sanitari" ha detto Antonio Palermiti, proprietario del Pescobar di Bari.
Per quel che riguarda Deliveroo, è un premiato servizio di consegna fondato nel 2013 da William Shu e Greg Orlowski. Collabora con oltre 80mila ristoranti e 60mila rider per garantire la miglior esperienza di consegna di cibo a domicilio al mondo. Con base a Londra, Deliveroo impiega 2.500 addetti nei suoi uffici in tutto il mondo e opera in più di 500 città in 13 Paesi tra cui Australia, Belgio, Francia, Hong Kong, Italia, Irlanda, Olanda, Singapore, Spagna, Taiwan, Emirati Arabi Uniti, Kuwait e Regno Unito.

0 commenti:

Posta un commento

Archivio CN

I più letti