venerdì 22 maggio 2020

Una recente ricerca della Tufts University ha mostrato che consumare 42,5 grammi di mandorle al giorno rispetto al non mangiarne può aiutare a ridurre i costi sanitari associati alle malattie cardiovascolari nella popolazione statunitense. Lo studio è stato finanziato da Almond Board of California.

Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, le malattie cardiovascolari (MCV) sono la prima causa di morte a livello mondiale, inclusi gli Stati Uniti, con circa 18 milioni di morti ogni anno. Il trattamento delle malattie cardiovascolari è oneroso e determina quindi un grosso impatto economico sui sistemi sanitari. Ad esempio, le MCV hanno comportato per il sistema sanitario italiano un costo pari a 21 miliardi di euro nel 2018 tra costi diretti e indiretti. Di questi, 16 miliardi di euro (54%) provenivano dai costi diretti dell'assistenza sanitaria.
Questa nuova ricerca si unisce ad altri studi che hanno dimostrato che il consumo regolare di mandorle può contribuire a ridurre i livelli di colesterolo LDL (lipoproteina a bassa densità), il cosiddetto colesterolo "cattivo", un fattore di rischio riconosciuto per le MCV.
L'obiettivo di questo studio è stato quello di stimare il costo-efficacia del consumo di mandorle nella prevenzione di malattie coronariche attraverso i cambiamenti nei livelli di colesterolo LDL nella popolazione degli Stati Uniti, analizzando sia casi a breve termine sia la prevenzione del rischio cardiovascolare a 10 anni. I ricercatori hanno sviluppato un modello per valutare la relazione tra il consumo di 42,5 g di mandorle al giorno rispetto alla mancata assunzione. I parametri delle MCV includevano le probabilità di aumentare i livelli di LDL, sviluppare un infarto acuto del miocardio (MI, o attacco di cuore), interventi chirurgici correlati al MI, la morte a causa di malattia, interventi chirurgici, nonché il costo della malattia e delle procedure nella popolazione degli Stati Uniti nel 2012. Il costo delle mandorle utilizzate in questa ricerca è basato sul prezzo nel mercato americano nel 2012.
Il modello "base-case" utilizzato in questa ricerca è stato uno studio condotto su 150 adulti americani con rischio acuto di diabete di tipo 2, che ha evidenziato che mangiare 42,5 g di mandorle al giorno comporterebbe un risparmio annuo di 363 dollari rispetto al non consumarle. Nei consumatori di mandorle è stata osservata una riduzione del fattore di rischio cardiovascolare tra cui colesterolo LDL, colesterolo totale, peso corporeo e Apolipoproteina B (noto anche come Apo-B, la principale proteina presente nel colesterolo LDL nocivo). Il miglioramento di questi parametri ha determinato una riduzione del costo medio di assistenza sanitaria per il trattamento delle MCV.
Inoltre, ampliando l’orizzonte temporale a 10 anni, i risultati prodotti sono stati simili. I ricercatori hanno concluso che il consumo di 42,5 g di mandorle al giorno sembra essere una strategia utile in termini di costo-efficacia per contribuire a prevenire le MCV nel breve termine e potenzialmente, fino a 10 anni.

Lo studio in breve:

Lo studio: Un modello decisionale è stato sviluppato per il consumo di 42,5 g di mandorle al giorno vs nessun consumo di mandorle e malattie cardiovascolari (MCV) nella popolazione statunitense. I parametri per il modello sono stati derivati dalla letteratura, che comprendeva le probabilità di aumento del colesterolo LDL, lo sviluppo di infarto miocardico acuto e ictus, il trattamento di infarto del miocardio, la morte per malattia e intervento chirurgico, così come i costi della malattia e le procedure nella popolazione degli Stati Uniti, e gli anni in cui era stata modificata la qualità di vita. Sono state condotte analisi di sensibilità per diversi livelli di disponibilità a pagare, l'analisi di sensibilità probalistica, la prevenzione del rischio decennale, i diversi costi delle procedure e i prezzi delle mandorle, e pazienti con e senza malattie cardiovascolari. Lo studio mirava ad esaminare il rapporto costo-efficacia del consumo di mandorle nella prevenzione delle MCV primarie.
Risultati: I consumatori di mandorle dovevano sostenere un costo inferiore di 363 dollari e un guadagno di 0,02 anni di vita ponderati per qualità in più rispetto ai non consumatori nel modello base utilizzato. Il beneficio monetario netto annuo del consumo di mandorle era di 1421 dollari più alto per persona rispetto alla assenza di consumo di mandorle, con la soglia della disponibilità a pagare per la spesa sanitaria annuale fissata a 50.000 dollari. Mangiare mandorle era più conveniente che non mangiarne nella prevenzione delle MCV in tutte le analisi di sensibilità.
Limiti dello studio: questo studio presenta diverse limitazioni, tra cui il principale vincolo della mancanza di dati disponibili. Il colesterolo LDL è stato usato come mediatore del rischio delle MCV, anche se il rapporto di colesterolo totale/HDL avrebbe rappresentato una migliore indicazione. Tuttavia, i ricercatori sono stati in grado di ottenere i dati della risposta LDL-C dagli autori dello studio. Inoltre, poiché negli Stati Uniti vi è un'ampia gamma di opzioni di assicurazione sanitaria, i ricercatori non sono stati in grado di riassumere i premi medi, le detrazioni e le spese proprie per i trattamenti delle MCV, ed è stato utilizzato invece il costo medio per ogni trattamento. Pertanto, i risultati e le conclusioni possono applicarsi solo ai non assicurati. Altri limiti dello studio includono il fatto che esso era incentrato su una popolazione statunitense con un rischio acuto di diabete di tipo 2 che utilizza i costi dei trattamenti medici e le probabilità di sviluppare malattie da studi condotti negli Stati Uniti. Pertanto, il risultato potrebbe non essere generalizzato ad altri Paesi. Infine, l'interpretazione dei risultati richiede cautela. Gli input di dati sono stati vincolati dalla progettazione dello studio della letteratura, in particolare le probabilità, poiché i risultati sono stati basati su input dalla letteratura pubblicata invece di dati primari da una corte di intervento. Potrebbero essere necessario prendere in considerazione una mole maggiore di dati per stimare i costi delle mandorle e delle procedure nel tempo.
Conclusioni: Consumare 42.5 grammi di mandorle al giorno sembra rappresentare un approccio conveniente e utile nella prevenzione delle malattie cardiovascolari a breve termine e potenzialmente anche quelle a lungo termine.

0 commenti:

Posta un commento

Archivio CN

I più letti